fbpx

Ep.22 – Trova il tuo personale rapporto rischio – rendimento

Iniziamo questo podcast con una citazione:

“Non è se hai ragione o torto che è importante, ma quanti soldi guadagni quando hai ragione e quanto perdi quando sbagli.” – George Soros

Immaginiamo un trader ipotetico di nome Alex

La performance di trading di Alex è stata alquanto instabile e sta cercando modi per ottenere una redditività coerente.

Dopo aver analizzato i forum relativi al trading, Alex si è imbattuto nel termine “rapporto rischio-rischio (R: R)” e ha appreso da altri trader che l’uso di un rapporto R: R elevato aumenterebbe le sue possibilità di ottenere profitti.

Lo prova con una operazione long su EUR / USD e punta a 50 pips usando uno stop da 25 pip. Sfortunatamente, la coppia ha spostato solo 30 pips a suo favore prima di ricadere nella sua zona di stop iniziale.

Pensando che il suo stop fosse semplicemente troppo stretto, rivede la sua strategia e allarga sia il suo obiettivo che il suo stop. Ora punta a 150 pips con un arresto di 50 pip.

Ma dal momento che Alex non è un buon trader per cominciare, giudica erroneamente lo slancio al rialzo di EUR / USD e la coppia si sposta di soli 55 pips prima di tornare indietro nella sua area di ingresso e finisce per chiudere con solo un guadagno di 5 pip.

La storia di Alex ti suona familiare? Se lo è, non ti preoccupare. È abbastanza comune per i neofiti e i professionisti allo stesso modo utilizzare ampi stop per aumentare le possibilità di avere ragione. Tuttavia, come suggerisce la situazione appena trattata  , questa strategia può anche essere dannosa per il tuo conto di trading.

Ricorda che il rapporto rischio rendimento è semplicemente il confronto tra il tuo rischio potenziale (distanza dall’ingresso al tuo stop loss) e il tuo potenziale premio (distanza dall’ingresso al tuo obiettivo di profitto).

Nell’esempio, Alex ha prima utilizzato un rapporto di rischio 2: 1 prima di aumentarlo fino a un rapporto R: R 3: 1. Se quest’ultima operazione avesse funzionato, Alex avrebbe guadagnato tre volte il rischio esposto

Il principale apporto di un rischio più elevato è che aumenta la tua aspettativa di trading o l’importo che guadagni (o perdi) per negoziazione.

Ciò significa che c’è meno pressione su ogni perdita, poiché dovrai solo aver ragione poche volte per coprire le perdite delle altre tue operazioni.

Sfortunatamente, molti trader utilizzano rapporti di rischio più elevati per coprire una scarsa esecuzione degli trade. Questo è problematico perché non è così facile far funzionare i rapporti di rischio.

Per prima cosa, puntare a un obiettivo di profitto più alto significherebbe che il prezzo dovrebbe viaggiare più lontano che in configurazioni con rapporti di rischio più bassi. L’uso di stop troppo stretti, d’altra parte, ti potrebbe far uscire dal trade troppo presto e troppo spesso per essere sostenibile.

Quindi, come trovi un rapporto R: R adatto a te?

Anche se non esiste un Santo Graal per trovare il rapporto rendimento-rischio perfetto, un buon punto di partenza è guardare al tasso di vincita o meglio winrate

Ha senso, non credi? Prima che tu possa aspettarti che il tuo rapporto di rischio funzioni per te, devi prima confermare che PUOI vincere abbastanza spesso per raggiungere quel potenziale premio.

Ad esempio, l’utilizzo di un rapporto di rischio 1: 1 significa che il tuo profitto potenziale è grande quanto la tua perdita potenziale. Questo funzionerà solo se hai ragione ALMENO la metà delle volte.

L’uso di un rapporto di rischio 3: 1, d’altra parte, significa che i profitti potenziali sono tre volte più grandi delle perdite potenziali, quindi devi avere ragione almeno il 25% delle volte per essere redditizio.

Prima di calcolare un rapporto di rischio più personalizzato per te e attenersi ad esso, è necessario tenere presente che l’utilizzo delle percentuali di vincita per trovare un buon rapporto di rischio  è solo l’inizio di un lungo percorso di miglioramento della gestione economica del tuo portafoglio

Come per molte cose nel trading, non esiste un unico rapporto rischio-rendimento che funzioni meglio per ogni operatore e ogni operazione. Ma, fintanto che pensi alle tue probabilità e lavori sulla gestione del tuo rischio, alla fine troverai un modo per realizzare profitti in modo coerente.

Un saluto da PDC Academy

__________________________________________________________________________________________

ASCOLTA IL NOSTRO PODCAST SU SPREAKER:
Ascolta “Ep. 22 Trova il tuo personale rapporto rischio – rendimento” su Spreaker.

__________________________________________________________________________________________

Sei interessato a conoscere le tecniche di Supply and Demand?
Scarica il nostro Ebook gratuito e scopri una promozione esclusiva per te!

Clicca qui per scaricare il REGALO per te!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *