Comprendere ciò che sta accadendo dietro le quinte è la chiave per sviluppare qualsiasi metodo di trading. Non guardare le candele sullo schermo solo come immagini e motivi ribassisti o rialzisti in quanto sono espressione di domanda e offerta.

Comprendere questi concetti farà la differenza nella tua carriera di trading. Ti darà la possibilità di fare trading in base a ciò che il mercato sta esprimendo attraverso l’azione dei prezzi. Questa risorsa può essere utile per spostarti attraverso la miriade di notizie e informazioni che vengono prodotte ogni giorno e scambiare ciò che vedi realmente sul grafico.

CHE COS’E’ L’AZIONE DEI PREZZI?
E’ una domanda frequente posta dagli aspiranti trader. Questo articolo tenta di spiegare che non ci sono segreti quando si tratta di esplorare questo argomento e soprattutto la comprensione dei movimenti del mercato.

È facile spazzare via i supporti e le resistenze considerate “importanti”.

Sebbene ovvio, questo concetto è piuttosto astratto e richiede un po ‘di pratica per essere efficacemente utilizzato. Comprendere un concetto da un punto di vista teorico non è sinonimo di averlo integrato nella pratica.

Questa sezione analizza le dinamiche dell’azione dei prezzi e, con l’aiuto di alcuni grafici, comprenderai a fondo questo concetto e imparerai ricercare queste caratteristiche operative sui grafici.


RENDERE COMPRENSIBILE QUESTE TECNICHE “SCONOSCIUTE”
Le reazioni degli operatori sul grafico riflettono tutte le informazioni: in generale, i prezzi diminuiscono quando la maggior parte dei partecipanti pensa di essere troppo in alto e aumentano quando vengono considerati troppo in basso. Non esiste una logica intrinseca al mercato né un’intelligenza più elevata che possa essere decodificata. È piuttosto il contrario: il mercato è costituito da una massa di individui razionali le cui reazioni non sono certamente sempre guidate dalla logica razionale. Sono più propensi a vacillare tra periodi di avidità e periodi di paura. Ci sono così tanti partecipanti al mercato e così tanti motivi per cui ognuno di loro decide di acquistare o vendere in un dato momento che nessun sistema sarebbe in grado di decodificare questo comportamento di massa considerando tutte le sue variabili.

Comunemente, si dice che la comprensione dei movimenti del prezzo, per sua stessa natura, è più un’arte che una scienza. Questo è naturale se consideriamo che i mercati sono fatti dagli esseri umani e non da metodi analitici. Tutti i trader, in qualche modo, prestano attenzione ai livelli dei prezzo, ma il modo in cui reagiscono a loro non è mai esattamente lo stesso.

Per diventare un trader devi imparare a comportarti in un ambiente così imprevedibile. È essenziale creare un quadro strategico con cui identificare i modelli di comportamento creati dai partecipanti al mercato. Questa conoscenza darà al professionista un vantaggio statistico per agire sul mercato.

Per iniziare a sviluppare le tue capacità analitiche, è essenziale essere in grado di identificare i livelli di domanda e offerta e misurarne la forza. Uno dei vantaggi dei livelli di domanda e offerta è la loro coerenza e il fatto che rimangano visibili in un grafico per giorni, settimane e in alcuni casi per mesi e anni.

Non sorprende che la maggior parte dei manuali di trading inizi a far luce su questo problema in quanto è uno dei pilastri dell’analisi grafica. Per sua logica, è un concetto semplice da capire, tuttavia, è anche il punto in cui falliscono i trader più inesperti. Chi non ha aperto una posizione e visto come il mercato ha immediatamente girato nella direzione opposta per liquidarla alla fermata? Per aggravare il problema: quante volte il mercato si è orientato nella direzione originale dopo che la posizione è stata chiusa per una perdita?

Facciamo però un passo indietro ai concetti puramente economici per essere sicuro di comprendere l’argomento:

L’offerta è la misura della quantità di un particolare prodotto disponibile in qualsiasi momento. All’aumentare dell’offerta di una valuta, la valuta diventa meno preziosa. Al contrario, quando l’offerta di una valuta diminuisce, la valuta diventa più preziosa.

Dall’altra parte dell’equazione economica, troviamo la domanda. La domanda è la misura di una determinata merce che le persone desiderano in qualsiasi momento. La domanda di una valuta ha l’effetto opposto sul valore di una valuta rispetto all’offerta. All’aumentare della domanda di una valuta, la valuta diventa più preziosa. Al contrario, quando la domanda di una valuta diminuisce, la valuta diventa meno preziosa.


Successivamente, Sam Seiden (inventore di questa tecnica) ricorda quali sono le condizioni di base in un mercato fluttuante:

“Il mercato è il luogo in cui i tassi di cambio globali sono visibili a tutti, compresi gli speculatori di mercato e gli utenti retail. Le persone e le aziende acquistano e vendono valuta proprio come faresti tu  comprando qualsiasi altra cosa. Quando scambiamo sui mercati, stiamo commerciando economie. Pertanto, l’offerta e la domanda di valuta dipendono dalla salute attuale e attesa percepita dell’economia generale di quella valuta. […]”

In un altro articolo, Sam Seiden riprende i principi fondamentali che caratterizzano i mercati finanziari di oggi.

“Il primo principio afferma che “Il movimento dei prezzi in qualsiasi mercato libero è una funzione di una continua relazione tra domanda e offerta all’interno di quel mercato”. La seconda legge afferma che “Qualsiasi influenza esterna si riflette sul prezzo”. Infine, la terza legge afferma che “L’origine del movimento / variazione di prezzo è un’equazione in cui una delle due forze concorrenti (acquirenti e venditori) diventa zero a un prezzo specifico”. E’ necessario entrare nell’ottica e capire che ci sono sempre due forze concorrenti al lavoro sul mercato, acquirenti e venditori (buyers o sellers). Il nostro obiettivo è quantificare quelle forze e identificare i livelli di prezzo in cui lo squilibrio è maggiore in quanto ciò crea cambiamenti o movimenti di prezzo.”


CH
E COS’E’ UN SUPPORTO?

Un livello di supporto è un livello di prezzo inferiore a quello attuale, in cui la domanda era più forte dell’offerta, spingendo il prezzo verso l’alto. La domanda è sinonimo di rialzo, rialzisti e acquisti.
Al livello di supporto, l’aspettativa generale impone che la domanda supererà l’offerta, quindi un calo del prezzo sarebbe rallentato dal momento in cui il prezzo raggiungerà quel livello. Di conseguenza, il prezzo dovrebbe risalire verso l’alto perché il supporto è il livello di prezzo al quale si ritiene che la domanda sia sufficientemente forte da impedire che il prezzo diminuisca ulteriormente.

Il mercato, inteso come la volontà di milioni di investitori, considera un livello di prezzo abbastanza basso e accettabile da acquistare, quindi quando il prezzo raggiunge quel valore, gli acquisti aumentano. La logica impone che quando il prezzo scende verso il supporto e diventa più economico, gli acquirenti diventano più propensi ad acquistare. All’aumentare della domanda, i prezzi avanzeranno più in alto.


CHE COS’E’ UNA RESISTENZA?

Su un grafico, un livello di resistenza è un livello massimo identificato in cui l’offerta ha superato la domanda, arrestando lo slancio e infine facendolo scendere da lì.

Se il mercato ritiene che un livello di prezzo sia molto elevato, le vendite aumentano nel momento in cui il prezzo raggiunge quel valore.

In altre parole, un livello di resistenza è un prezzo di riferimento in cui la pressione di vendita è maggiore della domanda. In molti casi questa pressione è così grande che può arrestare la rapida escalation dei prezzi.

I livelli di supporto e resistenza vengono rilevati principalmente analizzando l’evoluzione dell’azione dei prezzi su un grafico e identificando dove i prezzi si sono arrestati dopo un periodo in aumento o in diminuzione.

La resistenza è quindi il livello di prezzo al quale si prevede che la pressione di vendita sia sufficientemente forte da impedire un ulteriore aumento del prezzo. La logica impone che quando il prezzo sale verso la resistenza, i venditori diventano più propensi a vendere e gli acquirenti diventano meno propensi ad acquistare. Quando il prezzo raggiunge il livello di resistenza, si ritiene che l’offerta supererà la domanda e impedirà al prezzo di salire sopra di essa.

UNA PROFEZIA CHE SI AUTOAVVERA

Sempre Sam Seiden ci dice di più su quella che di solito viene definita una profezia che si autoavvera:

“Uno dei motivi principali per cui molti aspetti dell’analisi tecnica, in particolare concetti importanti come il supporto e la resistenza, sembrano funzionare molto bene ha a che fare con questo fenomeno. Una profezia che si autoavvera è una previsione che si fa realtà. Nel caso del trading e dell’analisi tecnica, un certo livello di supporto / resistenza può essere valido e rispettato in misura significativa semplicemente perché quel livello è ben noto, ed è quindi seguito da una massa critica di trader. Quindi, ad esempio, un livello di Fibonacci del 38,2%, un pivot point R1 e una linea di supporto di tendenza al rialzo chiave non hanno di per sé proprietà magiche predittive. È più il fatto che questi livelli sono così universalmente accettati e quindi così attentamente osservati e scambiati da così tanti trader, che spesso assumono un notevole significato di azione dei prezzi. Quindi tecnicamente l’indicatore “magico” ti fa fare soldi, ma in realtà alla base vi è il concetto di supply e demand che lavora come dovrebbe lavorare.”

Compratori e venditori creano due forze opposte che spostano i prezzi. Gli acquirenti vogliono acquistare a buon mercato e quindi vendere in profitto. E i venditori, al contrario, sono sempre alla ricerca di vendite “costose” per acquistare più a buon mercato in seguito. Quindi ogni pip che il mercato muove, mostra il gioco del potere tra le due parti: se il cambio aumenta di un solo pip, significa che gli acquirenti stanno vincendo, e una mossa di pip down mostra che i venditori, per quell’istante, hanno imposto la loro disponibilità a vendere.

Un livello di supporto o resistenza è un livello in cui una massa critica di operatori coincide nel loro obiettivo di acquistare o vendere una determinata valuta. Questi livelli sono identificati dal modo in cui gli operatori reagiscono a loro e perché mostrano una tendenza a ripresentarsi. Non è che i partecipanti al mercato siano d’accordo su cosa fare a un certo livello di prezzo, coincidono semplicemente con la loro valutazione che il cambio è troppo alto per comprare (resistenza) o troppo basso per vendere (supporto).

Quindi non è nemmeno una questione della quantità di operatori che decidono come reagire a un certo livello, ma lo squilibrio tra acquirenti e venditori a un certo livello di prezzo.

Il fatto che determinati livelli di prezzo siano stati significativi in ​​passato ci sta dicendo che potrebbero avere un impatto sufficiente sui movimenti dei prezzi in futuro. A volte, i livelli di supporto e resistenza sono molto chiari sui grafici e rimangono intatti per lungo tempo. Questo fenomeno è chiamato “memoria” del mercato.

Quando il prezzo raggiunge un nuovo minimo e poi aumenta in modo significativo, sia gli acquirenti che hanno acquistato a quel minimo sia quelli che hanno perso l’opportunità di acquistare saranno disposti ad entrare al rialzo quando il prezzo raggiungerà nuovamente quel livello.

Seguendo questa dinamica, il fenomeno può essere ripetuto fino a quando non cambia l’equilibrio di acquirenti e venditori. Questo è ciò che alla fine accade, altrimenti l’azione dei prezzi avrebbe luogo solo tra due livelli di prezzo e il mercato avrebbe una gamma infinita. Ma il mercato è piuttosto complesso e molte variabili possono influenzare l’azione dei prezzi. La convinzione generale di quale sia stato un buon prezzo da acquistare (un supporto) può indebolirsi fino a quando il prezzo non si rompe.

Dai un’occhiata al grafico qui sotto: il supporto non ha resistito e la rottura sotto il supporto segnala che gli acquirenti non erano più disposti ad acquistare a quel livello. Quindi una pausa al di sotto di un livello di supporto indica una nuova disponibilità a vendere poiché i venditori hanno ridotto le loro aspettative e sono disposti a vendere a prezzi ancora più bassi. Allo stesso modo, la pausa segnala una mancanza di incentivi all’acquisto.

Allo stesso modo, un livello di offerta non regge indefinitamente e una rottura al di sopra del livello di resistenza è un segno che l’offerta è esaurita e la domanda l’ha superata. Un’interruzione di una resistenza non indica necessariamente una domanda enorme, è solo che la domanda è considerevolmente più alta dell’offerta o che l’offerta è inesistente.

Osservare il grafico seguente: una rottura sopra la resistenza dimostra una nuova disponibilità all’acquisto e / o una mancanza di incentivi alla vendita.

Quando il prezzo supera un livello di resistenza e raggiunge nuovi picchi, ciò significa che gli acquirenti hanno aumentato le loro aspettative e sono ora disposti ad acquistare a prezzi più alti. Significa anche, e questo è altrettanto importante, che i venditori non si sentano costretti a vendere a quel livello e preferiscono aspettare fino a quando i prezzi saliranno al di sopra del livello di resistenza.

Quando un livello di resistenza viene rotto, dobbiamo identificare un’altra resistenza a un livello di prezzo più elevato. Man mano che il prezzo si avvicina a quel livello più alto, i venditori guadagneranno di nuovo forza poiché gli acquirenti tenderanno a smettere di acquistare a prezzi più alti. In questa fase, prestare particolare attenzione al fatto che l’azione dei prezzi è qualcosa che accade sempre tra livelli di massima domanda e offerta. Come commerciante, devi formare il tuo occhio analitico per identificare quelle aree tra i livelli massimi di domanda e offerta, che il prezzo può recuperare quando si supera un livello per raggiungere quello successivo.

Non pensare ai partecipanti al mercato come a due gruppi opposti di acquirenti e venditori ben definiti. Ricorda che il trading è un mercato a doppia direzione, in cui ogni acquirente si trasforma in un venditore quando chiude le proprie posizioni. Liquidare una posizione, significa invertire l’azione che hai fatto inizialmente per entrare nel mercato. Se hai acquistato basso e il prezzo è salito, sarai un venditore chiudendo la posizione per un profitto.

Quando l’offerta è esaurita, come mostrato sul lato destro del grafico precedente, la resistenza è rotta e il prezzo continua la sua mossa crescente. Di solito, quando una resistenza è rotta, diventa un supporto, se il prezzo ritorna di nuovo a questo livello poiché è probabile che ci sia un aumento della domanda.

Ogni momento nel mercato è unico e molti fattori e ragioni possono motivare gli operatori ad aprire e chiudere posizioni. Ma uno dei fattori che possono aver contribuito ad accelerare il rapido aumento del prezzo, è l’attivazione di ordini stop loss da posizioni al ribasso. Ogni ordine di stop loss in una posizione al ribasso è in realtà un ordine con limite di acquisto attivo e può quindi accelerare un movimento verso l’alto.

Ormai dovresti avere almeno una conoscenza di base di come il supporto e la resistenza funzionano sui mercati. È sempre importante visualizzare il supporto e la resistenza come uno squilibrio tra le forze della domanda e dell’offerta in cui la domanda crea supporto quando i trader mostrano la volontà di acquistare o riadattare le loro aspettative e iniziare a comprare a prezzi più alti. Ma una domanda debole contribuisce anche a creare resistenza quando gli operatori non sono d’accordo nell’acquistare a prezzi più alti.

D’altra parte, l’offerta crea resistenza quando i trader sono pronti a vendere e contribuisce anche a formare supporto quando i trader smettono di vendere in ribasso. Ciò significa che il supporto e la resistenza non devono essere visti come una battaglia tra tori e orsi, ma piuttosto come uno squilibrio di due forze. E alla fine il prezzo si fa più forte proprio quando una delle forze cessa di esistere. Se l’offerta diminuisce, sarà sopraffatta dalle forze della domanda. Maggiore è questo squilibrio, più velocemente aumenterà il prezzo.

In una tendenza al rialzo, ad esempio, la domanda non è l’unica causa dell’aumento. Perché i prezzi aumentino, i venditori devono assorbire tale domanda. Sul mercato c’è sempre una controparte per ogni posizione, ecco perché le due forze sono sempre presenti, ma rappresentano intenzioni opposte.

Sam Seiden semplifica la teoria di cui sopra e spiega che l’azione dei prezzi è caratterizzata da 3 principi principali:

Principio 1: il movimento dei prezzi in qualsiasi mercato è una funzione di una relazione continua tra domanda e offerta all’interno di quel mercato.

Un mercato è sempre in uno dei tre stati:

In primo luogo, può trovarsi in uno stato in cui la domanda supera l’offerta, il che significa che c’è concorrenza da acquistare e che porta a prezzi più alti.

In secondo luogo, può trovarsi in uno stato in cui l’offerta supera la domanda, il che significa che c’è concorrenza da vendere e questo porta a un calo dei prezzi.

Terzo, può essere in uno stato di equilibrio. All’equilibrio, non c’è competizione per comprare o vendere perché il mercato ha un prezzo in cui tutti possono comprare o vendere quanto vogliono. Tuttavia, man mano che il mercato si allontana dall’equilibrio, la concorrenza aumenta, il che costringe i prezzi a ritornare all’equilibrio. In altre parole, la concorrenza si elimina costringendo i mercati a ritornare in equilibrio. Anche se l’equilibrio è dove si trova la maggior parte delle candele, non vogliamo necessariamente commerciare in quella zona (congestione, doji)

Principio 2: tutte le influenze sul mercato si riflettono nel prezzo.

In ogni momento, ci sono tonnellate di informazioni finanziarie che vengono create e trasmesse in tutto il pianeta. Queste informazioni possono essere sotto forma di un rapporto sugli utili, notizie, conto economico, opinione degli analisti, rapporto economico, attacco terroristico e così via. Tutte queste informazioni creano pensieri e percezioni che sono diverse per tutti a seconda del loro sistema di credenza individuale. Fai attenzione a notare che la maggior parte degli umani presume che i sistemi di credenze degli altri siano gli stessi dei loro. Questo, ovviamente, semplicemente non è vero.

Principio 3: L’origine del movimento / variazione del prezzo è un’equazione in cui una delle due forze concorrenti (acquirenti e venditori) diventa zero a un prezzo specifico.

Mettiamo ora i numeri sulla semplice domanda e offerta che continuo a menzionare. Qui abbiamo 300 acquirenti e 200 venditori a $ 20,50. Il prezzo rimarrà stabile, il che significa che l’offerta e la domanda sembreranno in equilibrio fino alla vendita del 200esimo venditore. Il prezzo inizierà ad aumentare o CAMBIARE quando l’ultimo venditore ha venduto. È quando l’ultimo venditore vende ci rimangono 100 acquirenti e nessun venditore. Una delle due forze in competizione si è esaurita. In questo caso, erano i venditori.

In altre parole, il movimento (del prezzo) si verifica quando una delle due forze in competizione diventa zero. Le due forze in competizione sono, ancora una volta, domanda e offerta. Il tempo impiegato da quella relazione squilibrata per produrre movimento è puramente una funzione delle azioni delle due forze in competizione.

Il ragionamento di cui sopra spiega perché i mercati non rimangono bloccati tra due estremi orizzontali quando la domanda e l’offerta interagiscono. Se il supporto e la resistenza restassero per sempre, allora il trading sarebbe davvero facile. Potremmo semplicemente entrare ed uscire mentre il prezzo oscilla tra i livelli di supporto e resistenza. Ma il fatto è che i mercati attivi dissipano le forze direzionali perché ogni acquirente deve eventualmente vendere e ogni venditore deve infine acquistare per incassare i profitti. Ciò induce a invertire le azioni dei prezzi e l’intero processo può essere visto come un ciclo che equalizza l’azione e le reazioni del trader nel tempo.

Quanto presentato fino ad ora è la base da comprendere per operare attraverso i concetti di supply e demand, ovviamente come avrai intuito i supporti e resistenze di cui parlo, non sono linee orizzontali piazzate dove tutti possono vederle (come spiegato nella teoria classica), ma attraverso “candele” direzionali che generano l’impulso.

Queste informazioni le puoi comprendere molto più all’atto pratico leggendo il nostro PDF gratuito che puoi ottenere iscrivendosi alla nostra newsletter di PDC Academy Trading. (IN ARRIVO)

Ci auguriamo intanto che i contenuti presentati siano stati utili, quanto meno per comprendere che il mercato non è composto in senso stretto da indicatori e linee ma da qualcosa di più profondo che non è ancora stato compreso a pieno dagli operatori retail.

Un saluto da PDC Academy.

__________________________________________________________________________________________

Sei interessato a conoscere le tecniche di Supply and Demand?
Scarica il nostro Ebook gratuito e scopri una promozione esclusiva per te!

Clicca qui per scaricare il REGALO per te!